• MATTEO CERASUOLO Ingiustamente Indagato – Onorevolmente Difeso!

    by  • 17 agosto 2013 • Articoli pubblici, Sovranità individuale, Sovranità Violate • 8 Comments

    Ave a tutti i Sovrani e non,

    Questo articolo è l'aggiornamento della vicenda che trovate cliccano "Qui" .

    01 equiTA

    le memorie che avevo messo online erano una bozza di partenza della linea autodeterminata che è necessario intraprendere se la legge viene usata contro il Diritto.

    in questo articolo  sono riportate  le Memorie Definitive che sono state depositate  in data 01/07/2013 e che sono state frutto di riflessioni condivise con esseri eccezionali che ho avuto il privilegio di incontrare e che "Qui" ringrazio per il loro appoggio prezioso.

    Indagato dopo aver denunciato il "Colpo di Stato -Monti-" sottoscrivendo e depositando presso I Carabinieri la denuncia dell' Avvocato Paola Musu riscritta da Paolo Barnard, qualche tempo dopo ho fatto la mia Dichiarazione di Sovranità è ho riconosciuto Mahat come titolo di Uomo Sovrano

    ma L'entità Giuridica, nella quale oggi non mi riconosco è stata chiamata in causa, così ho assunto la funzione di agente autorizzato per conto della Persona giuridica MATTEO CERASUOLO

    che come cittadino, ha assunto l'onere della denuncia, che di fatto è un atto dovuto e obbligatorio a tutela della collettività, un gesto che si può definire civile, un atto nobile come tanti se ne possono fare, che come fondamento ha l'onore e la civiltà.

    Se sei  testimone di un incidente e ci sono feriti gravi, NON PUOI non chiamare il pronto soccorso e i carabinieri o la polizia o i vigili del fuoco, non si può scegliere se farlo o meno, SI DEVE!  e questo vale anche per gli atti criminosi intentati verso la PERSONA dello Stato, e quando si parla di Stato si parla anche di TUTTI i cittadini.

    Diversamente saresti PERSEGUIBILE!

     

    MATTEO CERASUOLO è Stato Indagato per il delitto p. e . p dell' art 368 (calunnia) perché denunciato i protagonisti della  segnalazione " in assenza di effettiva verifica dei fatti ecc, ecc,

    partendo dal presupposto che è possibile perseguire l'offesa a l'onore di una persona solo sotto diretta denuncia del calunniato (cosa che non è stata fatta)

    e che la magistratura è tenuta  a verificare le informazioni di reato e ha l'obbligo di compiere le necessarie indagini  per decidere se occorre formulare l'imputazione o chiedere l'archiviazione, così garantendo  la ricerca della verità che la magistratura è obbligata a perseguire...

    e in ogni caso non credo che una denuncia possa generare una ritorsione da l'ente preposto al riscontro della stessa

    questa cosa al tempo mi indignò parecchio, ma allo stesso tempo oggi mi ha dato la possibilità di poter fare quello che nella storia dell' umanità può segnare un passo di svolta incredibilmente potente e a impatto globale!

    ho messo a gli atti una dichiarazione di indipendenza da contratti commerciali che riguardano la mia "persona" Fisica,  è so che  il contratto (persona giuridica) è il solo imputato in questo procedimento e questo determina l'eccezionalità delle circostanze che hanno dato modo di creare una grande opportunità di riscontro a tanti livelli in un sol colpo!

    Concludo la presentazione di queste memorie con una frase che ho "sentito dire" dal mio caro Amico Maximilian:                                                                                                                                                                                                                              -Quando l'ingiustizia diventa LEGGE, la resistenza diventa un DOVERE!-

    Proseguono MEMORIE

    Memorie di Mahat: agente autorizzato per conto di:

    (MATTEO CERASUOLO)

    Nettuno (Roma) 01/08/2013

     

    entità unica UNIFICATA

    protocollo 0000013

     

    Io Mahat: Matteo:della discendenza Cerasuolo, Essere Umano Sovrano fatto di carne ed ossa, sangue e spirito,abitante pacifico e amichevole della Terra che vive operando in Amore e Saggezza e nel completo rispetto della Legge,  per questo Uomo Libero Davanti a Dio.

    Nel pieno possesso delle mie facoltà fisiche ed intellettuali,attraverso una motivata Autodeterminazione, notifico con le presenti memorie il mio assoluto diritto di proprietà e amministrazione sul Mio Corpo e sulla Mia Anima. Come da dichiarazione di “Status di Essere Umano Sovrano” che, qualora ve ne fosse necessità, allego alla presente.

    Premesso che io, Mahat riconoscendomi solo nella entità fisica, parlo in veste di agente autorizzato per conto della persona giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO creato a Napoli approssimativamente 04/04/1976 (AD)  con contratto   AR..numeri..... che oggi viene usato, accettando condizionatamente di far valere i suoi diritti di cittadino italiano, che egli esercitò liberamente in base al grado di consapevolezza di allora attraverso la denuncia fatta in data 30/05/2012 presso la Stazione dei Carabinieri in Nettuno.

    La  denuncia presentata dall'entità' giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO è scaturita dal sentimento di tutelare la collettività che è di fatto un atto civile dovuto,infatti, sono a conoscenza che qualunque cittadino ha l'obbligo di segnalare fatti e persone, se  questi sono presumibilmente i responsabili di delitti ai danni della persona dello stato. Che l'omissione di tale segnalazione diverrebbe un comportamento passibile di reato, perché la norma non prevede la discrezionalità' ma l'obbligo di denuncia. Quindi l'entità giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO ha assunto l'obbligo della denuncia in oggetto essendo venuto a conoscenza che: le persone citate nella denuncia  stavano perpetrando un delitto contro la persona dello stato.

    Essendo stata la persona giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO  testimone di una grave violazione dei diritti umani e del sovvertimento della Sovranità popolare, ha segnalato quanto era  da far verificare agli enti preposti al riscontro oggettivo dei fatti denunciati, infatti la norma vuole che i cittadini a cui sono affidate funzioni pubbliche abbiano il dovere di adempiere con disciplina ed onore al proprio incarico.  Un  pubblico Ministero ha l’obbligo di esercitare l’azione penale e di verificare la fondatezza di ciascuna notizia di reato e ha l'obbligo di compiere le necessarie indagini  per decidere se occorre formulare l'imputazione o chiedere l'archiviazione, così garantendo  la ricerca della verità che la magistratura è obbligata a perseguire.  

     

    Alcuni dei fatti che sono stati causa della denuncia in oggetto sono reperibili in rete perché frutto di documentazione pubblica. Cito alcune fonti tra cui le conferenze di:

    Avvocato Paola Musu ,

    Paolo Barnard,

    Avvocato Luigi Marra,

    Francesco Amodeo,

    Giudice Paolo Ferraro,

    Avvocato Paolo Franceschetti,

    Frank o'collins,

    Santos Bonacci,

    Kate of Gaia,

    Kevin Annet,

    e molti altri che trattano temi come:

    scie chimiche, sistema H.A.R.P., microchip sottocutanei, vaccini che attaccano il sistema nervoso, massoneria, signoraggio Bancario, Trattato di Velsen, M.E.S., Euro Gend Force, Trilaterale, Gruppo Bilderberg, ecc ecc

     

    Potendo approfondire in rete  senza censure di regime  tali informazioni questi argomenti provano il machiavellico obbiettivo che si erano preposti i denunciati con conseguenze visibili a tutti coloro che in virtù e in difesa della verità, hanno aperto i propri occhi sugli eventi oggettivi verificatisi sul territorio italiano e mondiale, questi alcuni dei fatti più gravi:

     

    1. Aumento della disoccupazione

    2. Aumento delle chiusure delle attività commerciali

    3. Aumento delle tasse

    4. Aumento dei pignoramenti

    5. Aumento dell’oppressione delle agenzie di recupero crediti

    6. Malessere esistenziale della popolazione

    7. Incremento della povertà

    8. Aumento esponenziale della percentuale dei suicidi annui

    Questi elementi  sono sufficienti ad allarmare qualsiasi italiano sulle responsabilità di tali accadimenti, se conseguenza di accordi atti a trarre beneficio personale e politico, è un fatto che tali accordi sono riconducibili ad un comportamento  deleterio nei confronti di ogni società e ad un atteggiamento criminoso contro l'umanità.

    Questa è l’unica visione disponibile a chi ha il coraggio di guardare la verità riportata pubblicamente anche da dati istat.

    Sono a conoscenza che l'offesa all’onore di una persona  e' perseguibile solo sotto querela dall’offeso. Questo procedimento nei confronti dell'entità giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO non ha tale merito, ciò nonostante, proseguo chiedendo con quali criteri di valutazione sia stato possibile per il sostituto procuratore della Repubblica Dott. Giovanni Bertolini, constatare che la persona giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO deponendo denuncia, agiva inconsapevolmente e senza aver verificato i fatti.

    Chiedo che vengano prodotti e resi disponibili a ME (Mahat) i termini e parametri tecnici di valutazione e prove inconfutabili:

    1- che l’entità giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO agiva inconsapevolmente e senza aver verificato i fatti elencati nella denuncia in oggetto;

    2- che per sua percezione non avesse colto una verità facendola valere per mezzo della libertà di espressione e del libero pensiero che deve essere difeso e protetto dalla Costituzione Italiana stessa che tutela tale Diritto fondamentale, qualificando la struttura stessa della democrazia dello Stato, la quale verrebbe sovvertita qualora questi fondamenti fossero diminuiti, decurtati o violati.

    3- che il procuratore della Repubblica, scegliendo di indagare l’entità giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO, privilegiando una presunta violazione minore rispetto ai gravi fatti elencati nella denuncia in oggetto,deve dimostrare l’infondatezza della medesima tenendo  in considerazione i contenuti e le leggi di Diritto Nazionale e di Diritto Internazionale , come il diritto umanitario sancito nei trattati di Ginevra, per mezzo dei quali le leggi intese come ordini non possono essere ritenute valide se violano i principi più alti come quello della libertà. E' un fatto  che al tempo dei nazisti era ritenuto “legale” sterminare milioni di uomini e donne, oggi non può e non deve essere ritenuta valida una legge/norma/regolamento/ordine che legalizzi  o che conceda l'immunità a chi commette crimini contro l'umanità.

    Per tali motivi e con tali criteri, il sostituto procuratore della Repubblica dovrà dimostrare l’infondatezza della denuncia in oggetto. Diversamente sarà ritenuto lui stesso responsabile di non aver valutato i gravi crimini elencati nella denuncia in oggetto.

    Se non sarà dimostrato che la denuncia in oggetto è priva di fondamento entro e non oltre 60 giorni dalla notifica della presente, le affermazioni della persona Giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO, oggetto della denuncia, saranno ritenute  valide così come gli oneri di responsabilità acquisiti dal sostituto procuratore della Repubblica e di chi li rappresenta.

    In qualità di agente autorizzato per conto della persona giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO  ritengo che lo stesso sia stato danneggiato da questo ingiusto procedimento, il quale mi farà sentire libero di chiedervi un risarcimento  in base ai danni subiti, presenti e futuri, danni che mi riservo di quantificare quando  e se sarà opportuno. Considerando che questo procedimento contro l’entità giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO,  è un attacco ingiusto a tutti gli Italiani che in passato, presente e futuro, esprimeranno il loro libero pensiero a tutela della verità e della giustizia.

    Se verrà convocata nuovamente l’entità giuridica MATTEO CERASUOLO senza che sia stata confutata l’infondatezza della denuncia in oggetto,nei termini sopracitati, l’invito sarà ritenuto nullo e respinto.

    Considerato che per non essere messo nella condizione di incapacità di interpretare il materiale di constatazione  posso avvalermi del diritto di ricevere documentazione chiara ed esaustiva.   Il materiale di constatazione che MI dovrà pervenire dovrà essere di facile comprensione con terminologia riconducibile ai soli dizionari  vocabolari italiani. Saranno ritenuti nulli anche tutti i documenti che citano leggi decreti norme ecc,

    Sarà ritenuto nullo l’invio di documentazione incompleta o parziale.

    Essendo io, Mahat, agente autorizzato dell'entità giuridica chiamata MATTEO CERASUOLO e che, conoscendo il principio di equità, so che nessuno può darmi ordini ne avvalersi di una posizione privilegiata con la quale arrecare danno senza assumersi la responsabilità di tali azioni.

    Io rappresento anche tutti coloro che sono stati indotti al suicidio dalle meccaniche di questa società facendo presente che non sono disposto ad uccidermi come molti prima di me.

    Confidando nella buona fede del sostituto procuratore che ritengo possa essere attualmente all'oscuro dei  fatti, dati e documenti,  che possano porlo in condizione di condividere tali verità oggettive, mi rivolgo a lui quale Procuratore della Repubblica oltre che cittadino e soprattutto essere umano, augurandomi che possa, per mezzo di questo procedimento preservare e garantire la ricerca della verità' che e' un bene universale.

     

    Nettuno 30/7/2013

    con onore

    per diritto divino acquisito

    e sotto giuramento

    Mahat, per conto della Persona Giuridica MATTEO CERASUOLO

    è stata creata una raccolta fondi se ti interessa saperne di più clicca "QUI"

     

    About

    8 Responses to MATTEO CERASUOLO Ingiustamente Indagato – Onorevolmente Difeso!

    1. Pingback: BEPPE GRILLO INDAGATO? Giusto! | Il blog di Salvo Mandarà

    2. Geta Iordache
      10 marzo 2014 at 20:38

      Come vedi,i cittadini italiani non prendono sul serio questo tipo di cose-non posso farli una colpa ADESSO ma mi domando che tipo di democrazia è mai stata qui e da quando tempo dormite…Parliamo di sovranità individuale -si deve partire dal fatto che l’assistenza di un avvocato dev’essere un diritto e non un obbligo-nel diritto penale il cittadino-per legge- non può difendersi da solo MAI e nel diritto civile dice che si può difendere da sola “una persona libera e capace di farsi valere” (non ho il testo davanti,cercate anche voi, come me)-in pratica , però, dice che la persona non si è presentata quando si presenta senza avvocato…A questo punto è d’obbligo la domanda: come funziona? O gli italiani si svegliano di scatto e cominciano domani mattina ad affermarsi la loro libertà assoluta data da Dio o trovano tutti bravi e veri avvocati capaci ad accettare QUESTA causa e l’essere di luce che è il povero italiano mette le mani in tasca un altra volta,pronto a combattere come Don Quijote….???? Se la legge dice che 70 milioni di individui hanno bisogno della tutela di un’altro come diversamente abili e questi 70 milioni accettano come una cosa logica e normale-ma non lo sano nemmeno-come la mettiamo?

      • Matteo Cerasuolo
        11 marzo 2014 at 03:11

        Ciao Geta, si po fare! basta non accettarla quale violazione etica.
        guarda che io mi sono difeso senza alcun avvocato e quando si è presentato al primo interrogatorio gli ho detto chiaramente che non mi rappresentava e nulla di quel che avrebbe detto sarebbe stato sottoscritto da me, è logico se non ti do delega non puoi parlare, e so perfettamente di essere un uomo libero, nessuno può discriminare la parola giurata. basta l’onore, consapevolezza, e un pò di coraggio per descrivere la verità e difenderla. non posso biasimare chi ha paura ma bisognerebbe essere forti e non mollare MAI. chi si sente “forte” aiuti chi è visibilmente “debole” se ve lo chiede…. se non sa di non sapere, cambiate il mondo intorno a lui, Noi. la logica è già cambiata per chi si è soffermato a guardare i fatti evidenti ormai davanti a gli occhi del mondo intero, bastiamo Noi. un saluto e Grazie Mahat

        • Vincenzo
          11 marzo 2014 at 09:02

          Pace e Serenità,
          condivido perfettamente il tuo pensiero Mahat: il 25 c.m. avrò il mio primo debutto da uomo libero in tribunale (il più prossimo, ve ne sono altri 2).
          Questo processo è cominciato alcuni anni fa, prima degli accadimenti del 25 novembre 2012; io ne ho avuto conoscenza solo una circa un mese fa.
          Ora sono deciso a difendermi da solo (già per questo processo e per il terzo non ho l’avvocato) ed in questo la giudice ha degli atteggiamenti hittleriani che certamente non mi impauriscono.
          La metterò al corrente della nuova realtà (nel caso non lo sapesse ancora).
          Vorrei un tuo-vostro consiglio (poichè sono ancora fresco di queste tematiche): al giudice devo presentare la mia dichiarazione di sovranità e la NDC ?
          Settimana prossima spedisco la mia dichiarazione di sovranità.

    3. sole
      21 luglio 2014 at 14:00

      sono interessato e da sempre convinto del valore della persona rispetto alle norme (se sei “maturo e consapevole” le norme non servono, se non lo sei cerchi di evitarle o di usarle a scapito delgi altri); con questa premessa ti espongo il mio dubbio: che senso ha combattere un sistema con i suoi strumenti quando quest’ultimo mistifica le regole del sistema? in pratica si cerca di mettersi al tavolo da gioco sapendo che questi non riconosce le tue carte o che altererà le sue a giochi iniziati; questo non significa che non intendo combattare la mia battaglia … sono solo agli inizi e il vostro impegno è comunque utile e stimolante … grazie

      • Mahat
        15 gennaio 2016 at 10:41

        ciao Sole, tu dici: che senso ha combattere un sistema con i suoi strumenti quando quest’ultimo mistifica le regole del sistema? …

        è bene, per me l’unico senso che da valore alle tue scelte, non si difende la verità perchè è comodo, perchè è facile, non si fa per aspettarsi solo successi, lo si dovrebbe fare, (almeno io parlo per me) per coerenza, per onore del vero, perchè se sai quanto è sbagliato fare il contrario diventi responsabile delle tue azioni, è un moto di coscienza che per alcuni è impossibile non considerare… in altre parole, se un individuo non combatte per ciò in cui crede, o non vale nulla l’individuo, o non vale nulla ciò in cui crede, noi , nel nostro piccolo, crediamo nei valori fondanti della legge universale(naturale), e nel migliorare noi stessi diamo valore alle nostre vite, per questo ci risulta naturale fare la cosa giusta, un saluto e buon lavoro

    4. Pingback: DIRITTO alla AUTODIFESA: il punto della situazione [il caso MAHAT (Matteo Cerasuolo)] | 6 VIOLA

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *