• La Francia rinuncia alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo

    by  • 8 gennaio 2016 • Articoli pubblici, Sovranità Violate • 1 Comment

    Ave Sovrani,

    La Francia rinuncia alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo??

    possibile mai? eppure è questo che stanno promuovendo... chi possiede e usa ancora il proprio cervello potrebbe anche pensar male... certo facendosi 2 conti... questo terrorismo conviene sicuramente a chi vorrebbe soggiogare le popolazioni mondiali attraverso la paura... ci sono troppe cose che non tornano, già ne ho parlato in un altro articolo

    le popolazioni già sono state programmate a divenire zombie e ora attraverso i media con la complicità dell'odio e della paura sono pronte a innescare il caos...  beh, questo sarebbe quello che favorirebbe il disegno di chi da secoli attiva e disattiva le guerre... le rivoluzioni.... coloro che influenzano le masse... infatti...

    La realtà rappresentata dai quotidiani, telegiornali e mezzi di informazioni di massa e' completamente provocatoria e istigatrice... è nella maggior parte dei casi inventata a tavolino da un gruppo di manipolatori globali: qui troverai le prove e le motivazioni... >>>>>clicca qui<<<<<<

    e come accade di questi tempi...

    i media bombardano la popolazione con la parola TERRORISMO, in moltissime metropolitane vediamo militari in tenuta da guerra, e sulle terre Francesi pare che il terrorismo abbia per suo evidente effetto, provocato solo un ulteriore sottrazione della sovranità popolare, una diminuzione drastica di diritti che sono stati enunciati come metro universale del diritto, le cosidette leggi di coscienza che risultano essere inviolabili, eppure accade, e questo è plausibilmente lo scenario che avrebbe voluto chi trae davvero vantaggio da Terrorismo mediatico e teatrini di sangue innalzati come atti di una commedia perversa, chi come gli attuali autori di questa scellerata idea decidesse se pur per un breve periodo di, dichiarare leggittimo un comportamento tanto disonorevole come quello ideato dall'elite francese, appunto rinnegare i diritti Dell'Uomo, tale atto costituirebbe a ragion di causa, UN TENTATO CRIMINE CONTRO L'UMANITA', oltre ad essere un favoreggiamento-incitamento rivolto a chiunque di fare altrettanto, in quanto tali principi dal valore inestimabile sono indispensabili e non possono essere contrattati in nessun caso e per nessuna ragione, se mai rafforzati dalla coscienza umana che a quanto pare, allo stato attuale è preda di TERRORISMO politico mediatico, guardare con leggerezza tali attuali avvenimenti implica una scelta... essere o non essere Uomo!

    l'unico modo per essere immuni da questi macabri teatrini che purtroppo creano effetti reali è essere consapevoli

    pubblicato su: http://www.tpi.it/mondo/francia/francia-rinuncia-convenzione-europea-dei-diritti-uomo

    Martedì 1 dicembre 2015

    La Francia rinuncia alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo

    La sospensione sarà in vigore nei prossimi tre mesi e riguarderà diversi diritti fondamentali come quello a un equo processo e alla libertà d'espressione

    La Francia rinuncia alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo

    L'aula della Corte europea dei Diritti dell'Uomo a Strasburgo. Credit: Vincent Kessler

    Sebbene la notizia fosse nell’aria da tempo, la modalità d’azione francese è stata spiazzante. Attraverso un banale comunicato indirizzato a Thorbjorn Jagland, segretario generale della Corte europea dei Diritti dell’Uomo, la Francia ha annunciato che per i prossimi tre mesi non rispetterà la Cedu, la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

    Parigi ha reso noto che, nell'ambito delle misure d'urgenza, potrebbe non rispettare il diritto a un equo processo e quello alla tutela della libertà d’espressione, della libertà di associazione e del rispetto della vita privata.

    L’atto francese formalizza sulla carta tutte le infrazioni già commesse sul campo, come per esempio la violazione della libertà di riunione e di associazione.

    Il termine della sospensione sarà a totale discrezione del governo e rimarrà in vigore fino a quando l’esecutivo intenderà mantenere lo stato d’emergenza nazionale.

    Le regole per la sospensione dei diritti fondamentali hanno in ogni caso un limite ben preciso, stabilito dall’articolo 15 della stessa Cedu. Il diritto alla vita e i divieti ai lavori forzati, di irretroattività della legge penale e di tortura (quest’ultimo particolarmente importante nei momenti di grande impatto emotivo successivi ad azioni terroristiche) restano comunque validi qualunque sarà l’iniziativa del governo francese.

    COS’È LA CEDU E QUANDO SI PUÒ SOSPENDERE

    La Convenzione è stata firmata a Roma nel 1950 ed è stata resa vincolante per tutti i Paesi europei nel 2009 grazie all’articolo 6 del Trattato di Lisbona.

    La Cedu prevede che ogni cittadino possa rivolgersi alla Corte Europea dei diritti dell’uomo per denunciare le violazioni commesse dai singoli stati.

    Il rispetto della convenzione è legato alla ratifica, nello stato, del suo trattato di applicazione. Tuttavia, la Convenzione può essere soggetta a due tipi di limitazioni: le restrizioni e le deroghe.

    Le restrizioni sono connesse a specifiche fattispecie di reato e hanno carattere continuativo. Un esempio tutto italiano è l’articolo sul “carcere duro” riservato ai reati di mafia, il 41 bis, che limita fortemente alcune garanzie procedurali e i diritti dei detenuti.

    Le deroghe, come quella richiesta dalla Francia dopo gli attentati del 13 novembre, sono connesse invece a emergenze nazionali temporanee e rispondono al delicato equilibrio tra la limitazione dei diritti del singolo e le esigenze della collettività. La Cedu prevede che si possa procedere a formulare deroghe alle sue norme solo in due eventualità: in caso di guerra o per pericolo pubblico che “minaccia la vita della nazione”.

    La scelta francese non può lasciare indifferenti. I diritti dell’uomo sono stati scritti per proteggere i singoli individui dagli abusi dei governi proprio in casi di emergenza, in situazioni, cioè, simili a quella che oggi è chiamata ad affrontare Parigi. In particolare deve essere rispettato, soprattutto in periodi di paura e irrazionalità, il diritto a un equo processo.

    Quando l’irruenza di chi vuole tutelare le libertà occidentali infrange paradossalmente le libertà dei cittadini, la difesa della democrazia rischia di degenerare in qualcos’altro.

    About

    One Response to La Francia rinuncia alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo

    1. Matteo Corazza
      8 gennaio 2016 at 04:50

      Ad un anno dalla morte di Bernard Maris Condoglianze Zio Bernard

      https://youtu.be/rVSUZSn6bB0

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *